Un po' di storia

Muncréch (1156 m s.l.m.), italianizzato Montegreco, non è mai stato considerato una vera e propria villa della Valle Malvaglia, trovandosi al suo limite orografico.
Infatti è situato ai piedi dell'omonima cima e sul versante sinistro della Valle di Blenio, che dalla frazione di Malvaglia Chiesa sale a piramide, tracciando il confine fisico con la Val Pontirone.

Pur non essendo geograficamente all'interno della Valle Malvaglia, possiamo considerare Muncréch la sesta villa.
..
..
La pergamena

La pergamena del 21 giugno 1405, con la quale la vicinanza di Malvaglia decretava la divisione della proprietá comune degli alpi tra le diverse degagne, è probabilmente il documento più antico che ci segnala il toponimo Muncréch.

San Carlo Borromeo nella sua visita a Malvaglia del 25 ottobre 1567 riporta nei suoi scritti l'elenco delle frazioni di Malvaglia e dei loro oratori. Vi si cita un "oratorium S.Iuliani" a "Prestinarium" (Prastinèi), ma da ricerche fatte si tratta quasi certamente di un errore. Infatti a Prastinèi non è mai esistito un edificio sacro che potesse essere qualificato come oratorio, mentre a Muncréch è esistito. 
..
La chiesetta e la campana

La memoria orale ricorda l'esistenza di una chiesetta dedicata a San Giuliano, la cui statua era portata in processione. Si conosce pure l'ubicazione ed esiste ancora la campana datata 1624.

L'oratorio fu vittima di un incendio nel corso dell'800 e di conseguenza demolito.
..
..


L'unica testimonianza fisica
dell'esistenza della Chiesetta di San Giuliano
è la campana datata 1624
conservata dalla Famiglia Valchera.
..

© Associazione Amici di Montegreco

Casella Postale - Malvaglia